venerdì 14 agosto 2009

Ashes to ashes

Sono
la brace divorata, consumata,
sono quella brace che ha ancora il tepore
il profumo del legno
che ha consumato anello dopo anello.
Sono
respiri sottovoce
umidi e nascosti,
respiri che hanno paura,
respiri che esalano se stessi per potersi fondere.
Sono
quella cenere
a cui basta un soffio
per disperdersi
senza scintille.
Sono
un ciocco di torba:
il grido di un gabbiano può risvegliare l'oceano,
la sferzata di un alare assopire tutto.

4 commenti:

Baol ha detto...

Ashes - Ben Harper

"ashes to ashes
and dust to dust
that's what has become
of our love and trust

love has no direction
cause love has no aim
love can leave you
as fast as she came

meeting is such sweet sorrow
cause someday we may have to part
hush don't you make a sound
you're gonna let me down

good things come
to those who wait
but good things are gone
from those who are late

all that i am
is all i can give
but with or without you
my life i must live

meeting is such sweet sorrow
cause someday we may have to part
hush don't you make a sound
you're gonna let me down

living ain't easy
since you've been gone
no one else can please me
or make me feel home

forgetting ain't easy
you stay on my mind
thoughts of us haunt me
can't leave them behind"

Hiraeth ha detto...

Baol grazie! Non la conoscevo, le parole sono bellissime! :)

Yuki ha detto...

Bellissimi sono i tuoi versi!

Hiraeth ha detto...

@ Yuki: Grazie! A volte la disperazione fa emergere l'anima poetica...io ci provo quando posso, vorrei non essere solo brace...vorrei ancora il fuoco...